MODELLO 231 E CODICE ETICO

Il Decreto Legislativo 231/2001 («Decreto») ha introdotto nell'ordinamento giuridico italiano il regime della responsabilità amministrativa a carico degli enti, per determinati reati commessi nel loro interesse o a loro vantaggio, da parte di soggetti che rivestono posizione di vertice o di persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di questi.
Al fine di assicurare la prevenzione dei reati contemplati nel Decreto, Salvatore Ferragamo ha adottato un proprio modello di organizzazione, gestione e controllo («Modello»), il cui ultimo aggiornamento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013.
Il Modello fa parte di una più ampia politica perseguita dal Gruppo Ferragamo finalizzata a promuovere la correttezza e trasparenza nella conduzione delle proprie attività e nei rapporti con i terzi, nella quale si inserisce anche il Codice Etico, adottato dalla Salvatore Ferragamo S.p.A. e da tutte le società del Gruppo Ferragamo.
Il Consiglio di Amministrazione di Salvatore Ferragamo ha istituito un Organismo di Vigilanza, dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo, preposto a vigilare sul funzionamento e sull'osservanza del Modello e a promuoverne il suo costante aggiornamento.

Modello 231.pdf

Codice Etico