Comitato Remunerazioni e Nomine

Il Comitato Remunerazioni e Nomine è stato costituito dal Consiglio di Amministrazione in data 22 aprile 2021, in conformità con le disposizioni del Codice di Corporate Governance delle Società Quotate.

Il Comitato Remunerazioni e Nomine è composto da tre Consiglieri non esecutivi e indipendenti nelle persone di Umberto Tombari (Presidente), Frédéric Biousse e Annalisa Loustau Elia

Nella sua funzione di Comitato per le Nomine il Comitato ha il compito di coadiuvare il Consiglio di Amministrazione nelle attività di:

  • autovalutazione dell’organo di amministrazione e dei suoi comitati
  • definizione della composizione ottimale dell’organo di amministrazione e dei suoi comitati
  • predisposizione, aggiornamento e attuazione dell’eventuale piano per la successione del Chief Executive Officer e degli altri amministratori esecutivi che individui almeno le procedure da seguire in caso di cessazione anticipata dall’incarico
  • individuazione dei candidati alla carica di amministratore nei casi di cooptazione

Inoltre il Comitato formula raccomandazioni in merito:

  • al numero massimo di incarichi di amministratore o sindaco che possa essere considerato compatibile con un efficace svolgimento dell’incarico di amministratore o sindaco dell’Emittente, tenendo conto di quanto previsto dal Regolamento del Consiglio di Amministrazione adottato in data 28 gennaio 2021
  • alle valutazioni del Consiglio ai sensi dell’art. 2390 codice civile

Nella sua funzione di Comitato competente per le Remunerazioni, il Comitato ha il compito di:

  • coadiuvare il Consiglio di Amministrazione nell’elaborazione della politica per la remunerazione degli amministratori, dei direttori generali, dei dirigenti con responsabilità strategica e dell’organo di controllo
  • presentare proposte ed esprimere pareri al Consiglio di Amministrazione sulla remunerazione degli amministratori esecutivi e degli altri amministratori che ricoprono particolari cariche nonché sulla fissazione degli obiettivi di performance correlati alla componente variabile di tale remunerazione
  • monitorare la concreta applicazione della politica per la remunerazione, verificando, in particolare, l’effettivo raggiungimento degli obiettivi di performance
  • valutare periodicamente l’adeguatezza e la coerenza complessiva della politica per la remunerazione degli amministratori e del top management
  • valutare e formulare proposte al Consiglio di Amministrazione in merito a piani di remunerazione basati su azioni
  • assicurare idonei collegamenti funzionali ed operativi con le competenti strutture aziendali
  • riferire agli azionisti sulle modalità di esercizio delle proprie funzioni